martedì 14 maggio 2013

WILLARD the WITCH #1 la miniserie da edicola



Io e la COLORS & GOLD Entertainment ltd, siamo lieti di presentare il primo numero da edicola della miniserie di WILLARD the WITCH. Un plauso particolare  alla squadra redazionale che mi affianca nella produzione:
STEFANIA VENERI, la  coordinatrice editoriale, il tramite diretto tra me e Londra.
FEDERICA PATITUCCI, la vittima sacrificale... colei che deve leggersi l'albo e segnalare eventuali errori.
MATTIA BRADASCHIA e PAOLO TELLINA, i due grafici.
Ho comprato all'edicola una copia come un comune lettore ed ho notato un paio di  punti da aggiustare, provvederò già con il secondo numero.
Come DIRETTORE ARTISTICO chiedo il vostro aiuto: se questa miniserie dovesse funzionare, non si pretendono vendite stratosferiche, ma il giusto per sopravvivere, la COLORS & GOLD Entertaiment ltd. sarebbe disposta ad investire in nuove proposte, non solo mie,
Grazie e scusate se per una volta mi sono preso troppo sul serio.
PINO RINALDI.
                                                                         ... to be continued...
P.S.
Un grazie particolare ai splendidi colori della copertina di  ALESSIO NOCERINO e del poster di WIZZIE the WITCH  di LUCA GIORGI.


Parlano di Willard:
Fumetto d'Autore, Sbam! Comics, Lo Spazio Bianco, Manga Forever, PaperBlog
UN GRAZIE PARTICOLARE AL FUMETTISTA ESPLOSIVO!
ANCHE  LUCA LORENZON sul suo  "Cosa sono le Nuvole"

44 commenti:

  1. In bocca al lupo! Se lo trovo in edicola lo prendo sicuramente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CREPI!
      Io l'ho comprato questa mattina! Per me è un rito, anche se me lo passa la casa editrice, andare a comprarmi una copia in edicola, parlare di fumetti con gli edicolanti, senza dirgli chi sono.

      Elimina
  2. Nella mia edicola stamattina nulla...
    Speriamo domani!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa mattina nelle edicole del mio quartiere, che sono quattro, ce n'erano due copie per ognuna... ancora non sono passato( e con lui sarebbero cinque) da quello che scrive i conti sulle copertine. Questa volta mi odierà, non gli ho lasciato spazio per poterlo fare! Grazie P@olo per la tua testimonianza!

      Elimina
    2. Arrivato oggi ;)

      Elimina
  3. Ciao Pino se lo trovo in edicola nel mio paesino in provincia di salerno lo compro di sicuro, per adesso siamo in due ad Angri come potenziali lettori dei tuoi fumetti. Io penso che sei molto in gamba.
    Gerardo.

    RispondiElimina
  4. Comprerò la mia copia prima possibile! ancora complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena ci incontreremo te ne regalerò io una copia, essendoci dentro il tuo stupendo omaggio!

      Elimina
  5. Non ci si può assentare troppo tempo dal tuo blog (lo sapevo!) che tiri fuori questa bella notizia.
    Ma avvisare gli amici no?
    A parte gli scherzi ti giro pubblicamente i miei complimenti e il mio personale in bocca al lupo per questa (ennesima) edizione in formato "compresso".
    Certo che se si pensa alle italiche edizioni di diversi tuoi lavori ("ammerrigani" e non) tipo Wild Angels o, recentemente, AgenziaX non si può che notare tristemente la cecità di editori (o pseudo-tali) blasonati e non.
    Vabbeh...purché sia davvero una raccolta definitiva di questo primo ciclo del tuo migliorc lavoro, imho, come autore completo.
    Speriamo che questa benedetta COLORS & GOLD Entertaiment ltd. garantisca a lettori (e fans) la pubblicazione di TUTTE le quasi cinquecento tavole di WtW.

    p.s. non ho ancora recuperato una copia ma sicuramente spunterà fuori in questi giorni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Raccolta definitiva?... Non ho ancora intenzione di lasciare questa valle di lacrime.... Willard ha ancora molto da dire.. Gli amici se sono tali, non vanno disturbati se non è strettamente necessario... e poi dopo l'esperienza della Light & Darkness Publishing, se non sono sicuro, non annuncio, nonostante abbia firmato un contratto da più di tre mesi.

      Elimina
  6. Ancora niente dalle mie parti. Se ben ricordo Wizzie The Witch era di 6 episodi, quindi 72 tavole, sono curioso di vedere cosa ci sarà nelle restanti 24.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! Come al solito non mi deludi!

      Elimina
  7. Pino ho comprato l'albo ma avrei una tiratina di orecchie. Il formato non è quello bonelli ma più stretto di un centimetro e mezzo. Ho messo l'albo di fianco ai bonelli in libreria ma affonda e non sta in linea. Sinceramente questa cosa mi delude in quanto avevi annunciato formato bonelli. Sono amareggiato non mi sembra una cosa corretta. Per il resto auguri.
    Dario D.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per "formato Bonelli" va inteso un albo che ne riprende le caratteristiche salienti (tipo quaderno, 96 pagine di fumetto in bianco e nero, copertina e quarta di copertina in quadricromia), ovvero il tipo di albo che meglio identifica un fumetto di natura "popolare" e che può essere facilmente esposto dagli edicolanti... Se poi capita che durante la stampa ci sia un sfridio della carta o qualche copia un po' più bassa delle altre (capita specie nelle grandi tirature), ci può anche stare. Restare delusi perché "non sta in linea" con Saguaro o Nick Raider non conta. Conta quello che c'è tra le copertine. E Willard the witch non lo batte nessuno dei suddetti.

      Elimina
  8. Risposta a DARIO D.
    Grazie Dario D. per aver acquistato il primo numero di Willard the Witch, spero che almeno il contenuto ti sia piaciuto.
    Il centimetro in meno di larghezza non è stato voluto, ma un errore tipografico, che non ha danneggiato l'interno. Avevo pensato a questo punto, per non offendere i collezionisti, di lasciarlo a 15X21 cm anziché ai canonici 16X21...ma sono sempre in tempo a modificare... fatemi sapere in quale formato vorreste il numero 2, e io mi inchinerò ai vostri voleri.
    Solo una curiosità: perché devi mettere Willard accanto a Tex?... sarebbe come mettere il diavolo accanto all'acqua santa... e l'acqua santa non è Willard.

    RispondiElimina
  9. Grazie per la risposta Pino. Sinceramente preferirei il formato bonelli e non questo ubrido. Dago viene ristampato in formato bonelli ad esempio. Willard è stato rovinato da questa scelta sciagurata. Non potrò esporlo in libreria sono amareggiato. Un centimetro in meno è tantissimo. Il tuo comunicato parlava di formato bonelli. La carta della copertina fa effetto Tex :-)
    Dario D.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace, e non era mia intenzione offendere o prendere in giro il lettore. Scusa!

      Elimina
  10. Trovato! Forse lo avrei trovato anche prima se avessi cercato scrupolosamente come oggi, ma magari torno sull'argomento con più calma - la costoletta nera comunque non è che sia un grande aiuto a identificarlo se l'edicolante espone i fumetti "di taglio".
    Discorso centimetro in meno (che però a me pare mezzo centimetro, così a occhio): per me è una cazzata, nel senso che non è affatto importante, ma evidentemente per Dario è una cosa fondamentale. E vivaddio che la pensi così e che ci siano acquirenti come lui: noi qui su internet siamo degli scalmanati e ci facciamo i nostri voli pindarici, dimenticando che esistono anche (perchè evidentemente esistono ancora) dei lettori che magari comprano un fumetto solo per collezionarlo, per sfogliarlo dimenticandosene subito dopo o perchè ha il formato standard a cui è abituato per inerzia e non per passione. Possiamo essere schifati da questo punto di vista, ribadire quanto sia importante il contenuto, quanto un disegnatore "velocista" sia da condannare rispetto al Maestro che piace a noi, ecc. ma questo pubblico è quello che ha permesso al fumetto di sopravvivere, e probabilmente di prosperare nei bei tempi andati.
    Io prendo in giro un mio amico perchè, pur essendo lettore onnivoro, compra anche qualsiasi porcheria che esce, purchè nel formato 16x21. Sinceramente il fatto che non sia l'unico a farlo mi rincuora un po' sulla salute del fumetto in Italia, almeno di quello da edicola. Noi saremo pure degli appassionati innamorati del mezzo, ma ci vogliono anche (anzi, sarebbe meglio fossero la maggioranza) dei lettori acritici, anche occasionali, a far sopravvivere il mercato.
    Per me sarebbe meglio continuare con questo formato, ma vedi tu come fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato un errore, ma ha seguito il formato con cui l'ho disegnato, non della Bonelli o francese, ma da comic book americano. Penso che sia giusto continuare così. Che abbia inventato un "formato Rinaldi"?...

      Elimina
  11. Comprato anche io stamani in un'edicola a Firenze. Bella storia e sopratutto bei disegni, spero che la collana continui fino a ristampare tutto il primo ciclo. Unica critica mi permetto di fare è il retro della copertina, un po' bruttino e secondo me poco d'effetto. Ma sono dettagli, è il contenuto quello che conta, e il contenuto è all'altezza delle aspettative.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per retro intendi la quarta? E' un omaggio agli albi Marvel della Corno!
      Grazie per i complimenti!

      Elimina
    2. Si, infatti fa molto vecchio stile ;)

      Elimina
    3. Era voluto! Sono un essere umano e come tale ho le mie debolezze!

      Elimina
  12. La critica che mi senti di muovere è la totale assenza in quarta di una data di uscita del secondo numero...sarebbe andato bene anche "tra un mese"
    Per il resto, pure preferendo il 16 x21 a questo punto preferisco che tutti i 5 numeri escano di questa grandezza in modo da non avere un primo numero "strano" rispetto agl'altri.
    Quello del 16x21 è un formato che spero vedremo per le prossime pubblicazioni

    Marco Scali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco, benvenuto nel club.
      Hai ragione, ma quando abbiamo preparato il primo numero non sapevamo esattamente quando sarebbe uscito. Abbiamo deciso che il primo numero rimanga in edicola 40 giorni., per avere più possibilità di essere individuato anche dall'acquirente più distratto.
      Grazie per l'augurio di prossime produzioni!

      Elimina
  13. Risposte
    1. Grazie, è bello sapere che sarò letto da un Grande come te!.. si buono!

      Elimina
    2. Comprato!
      Ne parlerò in futuro non appena letto... intanto l'ho segnalato sul mio blog!

      Grazie per il "Grande"!^^

      Elimina
    3. A rigrazie due volte Grande!

      Elimina
  14. Salve Pino, è da Lucca che non ci si vede! Mi scuso per la mancanza di comunicazione ma ne son successe di tutti i colori! Ho rivoltato le edicole della mia città da cima a fondo ma per ora non c'è traccia dell'albo. Mi rimetteró all'opera domani, intanto spargo la voce! A risentirci presto!

    RispondiElimina
  15. Spero proprio di trovare un edicola nella mia provincia che ne venda una copia. Finora non ho trovato nulla, ma non demordo. Domani mi sposto in un'altra provincia e spero di avere più fortuna almeno nel capoluogo.
    In bocca al lupo, Pino!
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crepi! Strano, mi informano che lo si trova abbastanza facilmente, forse deve ancora arrivare dalle tue parti.

      Elimina
  16. nelle fumetterie nulla??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo di no! Io gliel'ho detto, ma loro provengono dalla cultura dei magazine, i quali vengono venduti esclusivamente in edicola e supermercati, e non capiscono! I'm sorry!

      Elimina
  17. Lascio il commento anche qui.
    Volevo scriverli ieri "a caldo", ma sarebbe uscito qualcosa di assolutamente delirante e non volevo "esagerare".
    Non prendermi per pazza (anzi no, prendimi: lo sono), ma ho pianto quando ho letto "Cosa puoi fare tu?... Tu sei il più bambino di tutti, altrimenti non avresti scelto di lavorare... come fumettaro".......
    Che sembra banale se estrapolato dal contesto, ma tu che hai scritto la sceneggiatura (e sei fumettista) e io che ho letto (e MI SENTO fumettista) possiamo capire.
    Per il resto, divertentissimo, autobiogarico chiaramente ;) , mi ci ritrovo praticamente in tutto :D , condivido praticamente tutto.
    Madonna che pazienza per i dettagli. Sai che il tuo stile mi ricorda Castellini? (E' un complimento)
    Questo è tutto.
    Metto via il fumetto sennò se ci ripenso mi rimetto a piangere.

    Ah, che bella Baba Yaga!!!! Adoro le cattive ;)
    E secondo me Molder e Scully avrebbero potuto aiutare, ma li cacciano sempre via!

    RispondiElimina
  18. In Risposta a YUKI:

    Perdonami se metto i puntini sulle i... ma tra me e Castellini sarà il contrario, essendo stato lui mio allievo! E' un complimento!
    Stan Lee una volta mi spiegò perché scriveva di fumetti e di supereroi:
    Voleva riproporre l'emozione che provava quand'era bambino leggendo storie sulla mitologia.
    Per me il fumetto è l'unica arte d'evasione che se cresci troppo d'età non funziona più bene... Willard tratta anche di temi "seri"(qui il rapporto tra le coppie, ed una visione distorta del femminismo, in seguito anche di "femminicidio") ma non da saccente, mai prendendosi troppo sul serio, come fanno certi miei colleghi blasonati e troppo cresciuti d'età, anche se anagraficamente più giovani di me.

    RispondiElimina
  19. Trovato in edicola! Lo leggo nel weekend... Ciao Pino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, spero non ti rovini il week-end!

      Elimina
  20. Ciao Pino
    FANTASTICO
    ...nn ho trovato altro aggettivo..
    ho finito il n.2...
    ...fra i miei D.D.; albi di Moebius...e le raccolte dell' Eternauta
    La tua opera prentende il suo spazio...
    ...ma una disgrazia mi afflige ....
    ...ho smarrito il n.1
    ...
    Come potrei recuperarlo?
    ..grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, spero che tu non mi prenda in giro...
      Alla prossima mostra in cui sai che io parteciperò, e tu sarai di zona, basterà mandarmi una emali, anche tramite Facebook il giorno prima, ed io sarò lieto di omaggiartelo. Se invece la serie dovesse riprendere, mi occuperò di far nascere un servizio arretrati. Grazie per i complimenti!

      Elimina
    2. Tutt altro Pino
      Wooow ke gran piacere. ..
      Allora dovrò escogitare qualche stratage x riuscire a non perdermi l occasione.

      Un saluto e buon lavoro. .
      ...sopra le nuvole. ...

      Elimina