venerdì 18 maggio 2012

Il mio metodo di lavoro #13: "IL VISO DEI BAMBINI"



Ed eccoci ad un'altra serie spinosa di lezioni, disegnare i BAMBINI.
Quand'ero adolescente, mi sentivo ripetere "Lo sai che disegni proprio bene i nani?..."ed io " I nani?!...quali nani?"..."Questi!...non vorrai mica scherzare dicendomi che sono bambini?!"
I bambini non sono adulti in miniatura, hanno proporzioni tutte loro con movenze e posture tipiche dell'età.
Gli occhi sono enormi al contrario del naso piccolo a patatina  e alla bocca anch'essa piccola e a bocciolo di rosa( per non dire a "culo di gallina"); in comune con gli anziani, le orecchie molto grandi.
La calotta cranica è più ampia e l'ovale più paffuto...
Per farli crescere basterà diminuire la grandezza degli occhi in proporzione all'ingrandimento del naso, la bocca e il cranio...se non è in sovrappeso  l'ovale più asciutto.
Fino alla pubertà( se non siamo disegnatori iperrealistici), la differenza di sesso la daremmo con i vestiti e i capelli: ciuffetti, code e trecce per le femminucce,  capelli corti, o moderatamente lunghi(a caschetto) per i maschietti,
Tutto questo in linea di massima, poi interviene la vostra osservazione sul campo...quando inizia a studiare i bambini, andavo nei giardinetti pubblici ad osservarli...molte mamme hanno pensato che io fossi un pedofilo...una volta mi fermò un poliziotto, feci fatica a convincerlo delle mie buoni intenzioni, dovetti disegnare in sua presenza..rilasciandomi concluse:."Però sembrano nani!"

11 commenti:

  1. "Però sembrano nani!"

    E pensa invece che io rimasi stupito e piacevolmente colpito dalla caratterizzazione della "bambina strega" nella storia di Mystere!^^

    Tanto che sono sicuro di aver pensato "Ah, ecco uno che finalmente disegna bene pure i bambini!".

    RispondiElimina
  2. Grazie, fu allora che intensificai i miei studi sui bambini.

    RispondiElimina
  3. Istruttivo come sempre!!!! in questo momento sono in Olanda! domani ho una fiera.

    RispondiElimina
  4. utilissima questa lezione!

    RispondiElimina
  5. Consolati, amico mio: c'è un disegnatore americano, Mike McKone, che da anni campa disegnando pure gli adulti come fossero nani! E non va nemmmeno per giardinetti a osservar di sottecchi i bambini...

    RispondiElimina
  6. Se non te ne fossi accorto l'adolescenza l'ho passata da qualche tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se è per questo anche io...

      Elimina
  7. "Fino alla pubertà( se non siamo disegnatori iperrealistici)"...noto una "leggerissima" ironia ;-)

    Riguardo i bimbi mi sento di sconsigliare, oltre all'osservazione solitaria nei parchi, anche la semplice affermazione "mi piacciono i bambini" se non si dispone di prole e mugliera al seguito.
    D'altronde viviamo in un paese nel quale i maestri d'asilo sono "invitati" a tenere le lezioni a porte aperte.

    Quello di ritrarre i bimbi/e è sempre un bel grattacapo per un disegnatore...a meno di avere un maestro che li disegna nelle tavole al tuo posto...oppss!(^_^)

    RispondiElimina
  8. Non è ironia...Non immagini un disegnatore alle prime armi quante critiche stupide ed inutili deve subire dalla gente che non sa disegnare...per esempio, mia madre:
    Disegnai in tutti i particolari la rapina ad una banca, con una ventina di ostaggi e tre pattuglie della polizia che circondano l'edificio...ingenuamente chiesi, con l'intento di farmi dire "BRAVO":"Cosa ne pensi, mamma?",lei con sufficienza "Tutto da rifare,i risvolti dei pantaloni sono fuori moda!". Il giudizio di mio padre a qualunque disegno(mio) gli avessi fatto vedere: "Però questo nero...è...troppo nero!"per non parlare di chi non esprime pareri, però ascoppia fragorosamente a ridere...ma tutti, dico tutti, criticano quello che riguarda il loro lavoro, tacciando il disegno di irrimediabilmente candidato alla spazzatura!

    Io sono per lo studio dal vero, basta prendere precauzioni:
    andare ai giardinetti pubblici armati di blocco da schizzi , matita e gomma...dopo un po sarà la madre stessa dell'innocente pargolo a chiederti, sbattendo sospirosa le ciglia" Faresti un "autoritratto" a mio figlio?..."
    Ecco perché Willard è un disegnatore di fumetti, prima o poi tramite lui racconterò di questi aneddoti, assurdi,esilaranti, ma rigorosamente VERI!

    RispondiElimina
  9. Allora speriamo sia "prima" che poi.
    Sono più che certo che con il tuo segno, sempre preciso nel rendere l'espressività dei personaggi, saprai conferire a queste scenette l'humor adeguato.

    RispondiElimina