martedì 4 ottobre 2011

La Saga di TWEE-WAN-POOR







                             
                             























































Era il 2002 quando iniziai la lavorazione de "La Saga di TWEE-WAN-POOR": un fantasy che si svolge prevalentemente in una metropoli americana.
Una strana nuvola appare in tutti i cieli della terra, e cominciano ad avvenire strani fenomeni.
In una grotta sulla costa della Florida due speleologi trovano un uomo completamente nudo, incastonato in un cristallo gigantesco, mentre di notte per le strade della grande mela circolano strani esseri ...questo è l'incipit della prima storia di una lunga saga.
L'eroe principale arriverà solo verso le ultimissime pagine.
Ripeto l'appello, nel caso ci fosse un editore interessato, ora sa come contattarmi...
Purtroppo, proprio perchè rimasto nel cassetto, non ho le scansioni degli originali ed ho dovuto utilizzare quelle di stampa.

26 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Tebaldo Principe Dei Gatti ha detto...

    semplicemente... MAESTOSO. Dovresti essere d'esempio per tutti quei "professionisti" che ignorano cosa siano gli sfondi (o l'interazione tra personaggio e ambiente).

    RispondiElimina
  3. Grazie Principe, ma l'hai eliminato tu il post? Ora credo che di materiale mio da vedere ne avete, perciò penso che la prossima pubblicazione la farà sabato... nel frattempo si potrà dialogare...

    RispondiElimina
  4. Si,per quanto riguarda gli sfondi non mi risparmiai, solo che con le misure e la qualità di stampa di Lancio-Story, venne tutto abbastanza mortificato. Spererei in una futura pubblicazione abbastanza grande da valorizzarne il lavoro.Pino.

    RispondiElimina
  5. si, ho eliminato il post precedente (non era possibile editarlo) in quanto conteneva una (errata) negazione che ne inficiava il senso.
    Immaginovo che formato e resa di stampa avessero vanificato molti dei tuoi sforzi.
    P.S. ne approfitto per un quesito: rammento (ma potrei ingannarmi) una tua immagine promozionale per il lancio di Lazarus Ledd, con prospettiva dal basso e visto di spalle (nonchè molto differente da come poi ci sarabbe stato presentato), se non ho preso una cantonata... ci puoi rivelare perchè non fosti coinvolto nel progetto editoriale e non fosti mai citato?

    RispondiElimina
  6. Non ti sbagli! Spiegherò tutto in seguito, pubblicando anche la suddetta locandina ,che venne molto apprezzata da John Romita Sr.

    RispondiElimina
  7. i miei occhi stanno godendo

    RispondiElimina
  8. Ma non vi sembra di esagerare?... Senza nemmeno capire quello che leggevano, i soliti (ig)noti me lo hanno stroncato.Pino.

    RispondiElimina
  9. Non esagerano, la qualità grafica è indubbia, nonostante l'elevata presenza di dettagli, lo storytelling è fluido e godibile. In merito alle critiche, è risaputa l'opinione e l'attegiamento che ti riservano da sempre... dettate, io ritengo, dall'invidia per un talento puro privo di autoreferenzialità e per la tua collaborazione/amicizia con figure scomode nell'ambiente (Bunker in primis),oltre al fatto che , come facevi notare in altra sede, gli autori completi sono cosa rara e invisa in Italia.

    RispondiElimina
  10. Non ti rendi conto che con le parole che hai scritto, ti stai creando dei nemici,i quali non sono molti, due tre, ma molto, molto attivi in rete.E quando li svergogni interviene il loro capo... comunque grazie a tutti per il calore che mi mostrate. Pino.

    RispondiElimina
  11. Mah... io sono sempre per il "molti nemici, molto onore"... in ogni caso, io sono totalmente estraneo all'ambiente, se non come fruitore ed esegeta di alcuni talenti, quindi, sono ben poche le ritorsione che potrei subire. Inoltre non partecipo (con rammarico) alle attività dei forum più noti, in quanto, non intendo misurarmi in leziose olimpiadi di "specchioriflesso". Vorrei precisare che l'utilizo di un account neutro, non è legato a pavidità (ma a motivi personali/professionali). Chi si interrogosse sull'identità di colui che grida al "re nudo", puà contattarmi privatamente, riceverà risposta (con annessa, angrafica dettagliata);-)

    RispondiElimina
  12. Non è mia abitudine censurare i messaggi ricevuti, ma purtroppo sono stato costretto a farlo, avendone ricevuto uno palesemente provocatorio... Si pregano i visitatori del blog di non usare termini volgari e offensivi,Grazie Pino.

    RispondiElimina
  13. Nulla di sorprendente e nel contempo tutto di stupefacente, Pino.
    Non sorprende ritrovare intatto il tuo talento anche in questa tornata di tavole (per me inedite) ma in questi esempi è stupefacente "il cesello" dato dalla profusione dei dettagli.
    Nè l'Eura/Aurea com i suoi settimanali, nè il formato bonellide può essere il contenente di un torrente grafico simile.
    Se c'è un elemento che mi ha sempre colpito del tuo gusto compositivo e che, imho, ti caratterizza è il tuo continuo sfidarti. E questa sfida è rappresentata dalla scelta di scorci prospettici "difficili" (da rappresentare per un disegnatore, intendo), inusuali (a volte anche un pò ridondanti) che dimostrano il livello di libertà che il tuo ingegno può concederti.
    Attendendo sabato...

    RispondiElimina
  14. Attendevo, il tuo parere, essendo tu. uno dei fedelissimi. Grazie per la tua analisi. Io mi sono dato una risposta alle mie improponibili prospettive... forse sarà perchè soffro di vertigini. Figurati che vedo già distorto quando salgo su di una sedia.Pino

    RispondiElimina
  15. Ciao Pino, grazie per i complimenti, li ricambio immediatamente per il tuo lavoro! :)
    Per quanto riguarda gli "Idoli", sono persone che con il loro pensiero hanno aitato a formare il mio. Non sono infallibili, e non li idealizzo, ma a volte possono aiutarmi a vedere la via che voglio seguire. ;)

    Ciao!

    RispondiElimina
  16. Grazie infinite gi avermi risposto, spero diventi una abitudinaria di questo Blog. Ciao Pino, e continua così!

    RispondiElimina
  17. Ah! Perdonami,a proposito degli idoli: io raccomando sempre che è meglio non conoscerli. Buona Notte!

    RispondiElimina
  18. Devo ringraziare pubblicamente Piero per le bellissime parole che mi ha scritto in una E-Mail privata.GRAZIE,Pino e non perdiamoci di vista!

    RispondiElimina
  19. le tavole sono fantastiche. ma è stata pubblicata tutta su lancio story? sarebbe bello vederla in un formato grande visto la cura delle tavole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Venne pubblicata su LANCIO-STORY, ed anche essa doveva essere una serie. Aspetto un editore coraggioso che si faccia avanti per pubblicarla in volume ed in un formato che ne valorizzi i disegni.

      Elimina
  20. vedo se li trovo i lanciostory,certo spero di vederla un giorno pubblicata in un formato grande.
    nel caso tienici informati, non vorrei perderlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "LA SAGA DI TWEE-WAN-POOR" venne pubblicato su LANCIOSTORY dal #19 al °26 del 20003

      Elimina
  21. se posso chiedere , visto che a me piace molto colorare, come hai realizzato questa copertina di lancio story? tipo che tecniche hai usato. scusa ma sono curiosa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chine colorate (Pelikan) e PANTONE...e tutto quello che sporcando possa colorare. Non mettere mai limiti ai mezzi...

      Elimina
    2. ^_^ grazie io adoro i pantone anche se uso più i copic sketch ora , ma ho usato anche i pantone in passato .

      Elimina