mercoledì 12 ottobre 2011

SHE-HULK & BABY-HULK




Mia moglie si innamorò pazzamente del mio disegno di She-Hulk al punto da volerne realizzare una maglietta, ed io pensai bene di farne anche una adeguata a mia figlia.. Qualche anno dopo vennero esposte sotto vetro ad una mostra, e mia figlia Francesca odiò visceralmente "il brutto uomo che aveva imprigionato SCIULKI". Ad una fiera del libro di Bologna incontrai BOBBIE CHASE, allora editor di Hulk, vide le magliette e ne pretese due anche lei...
Consiglio d'amico : Mai fare magliette a mogli o fidanzate.

7 commenti:

  1. Pino, terrò a mente il tuo consiglio ma non so se lo metterò in pratica visto che, a quanto pare, potrebbe servire per attirare l'attenzione di qualche editor!

    RispondiElimina
  2. Attento, perché le magliette si riproducono in modo esponenziale...2...4...8..e poi la fine...Ciao Pino.

    RispondiElimina
  3. Queste sono storie da farci i fumetti!!^^

    RispondiElimina
  4. Quale, la riproduzione esponenziale e non assistita, o la creazione delle magliette?
    Pino.

    RispondiElimina
  5. "Qualche anno dopo vennero esposte sotto vetro ad una mostra, e mia figlia Francesca odiò visceralmente "il brutto uomo che aveva imprigionato SCIULKI"."

    Sono appassionato per le situazioni "rubate" alla vita reale che, se inserite adeguatamente in un fumetto, sono il condimento per rendere la trama più appassionante.

    Non sempre si può fare, anche perchè le storie spesso "guidate" e, soprattutto, lo spazio dedicato ai dialoghi in un fumetto, non sempre lo consentono.

    Spesso nei miei fumetti inserisco questo tipo di cose.^^

    RispondiElimina
  6. Sono perfettamente d'accordo con te! Pino

    RispondiElimina