lunedì 26 marzo 2012

FANTASTIC FORCE # 4


























Ed eccoci finalmente al mio primo lavoro serio per la Marvel, un fill-in della Fantastic-Force, uno spin-off  nato dalla costola dei FANTASTICI QUATTRO.
Una squadra di adolescenti capitanata da Franklin Richards, figlio di Reed Richards e Susan Storm.
Non ricordo bene come andò, ma avevo fatto per la casa delle idee oltre alla Valchiria, la prosecuzione di ClanDestine e parecchie pin ups.
Mi aveva notato MARK GRUENWALD editor senior, e quando DANTE BASTIANONI , titolare della testata, ebbe bisogno di riposarsi, chiamarono me. Allora in Marvel c'era un assistente editor di origini italiane che conosceva un po di italiano, JOE ANDREANI, e lui ci fece da traduttore.
Mi piacque molto lavorare su questo numero della Fantastic Force, come ospite d'onore c'era Capitan America, purtroppo col costume leggermente modificato e ipertrofico...adesso che ci penso, il capitano è stato tra i personaggi storici della casa delle idee quello che ho più disegnato.
Mi piacerebbe nel caso fosse in ascolto Dante, se intervenisse nei commenti per raccontarci un po di retroscena della prima serie Marvel  firmata da italiani...

45 commenti:

  1. SUPERCOMPLIMENTI!!!!!!!!!!! tavole troppo belle!
    adesso le guardo con calma!

    RispondiElimina
  2. Che spettacolo Pino!!!!!!!

    Io aspetto sempre una tua email eh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdona ho avuto degli imprevisti...poi ti spiego...

      Elimina
    2. Tranquillo, non cv'è fretta! Solo che ogni volta che vedo le tue tavole mi viene l'acquolina!!! Pensando poi a quei "falsi d'autore" che mi hai mandato....

      Elimina
  3. Ma su quel mantello, nella quarta tavola, applicasti un retino?
    Essendo matite mi sembra strano...

    Al solito...spettacolo a fumetti!

    RispondiElimina
  4. Mi ricordo la Fantastic Force! ottime tavole! Davide adesso che disegna?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So che collabora col Giornalino delle Paoline...ma purtroppo ho perso i contatti con lui...in quel periodo diventammo grandi amici...è una persona stupenda...Questo blog mi ha permesso di rincontrare persone perse nel tempo. spero che mi faccia rincontrare Dante!

      Elimina
  5. Mario Uccella26 marzo 2012 22:15

    Sigh, i bei tempi andati di quando frequentavo casa tua e di questo albo ne parlavamo al presente, essendo appena uscito sul mercato americano! Confermo e sottoscrivo quello che ti dissi all'epoca: la migliore scena d'allenamento di Cap dai tempi di Jim Steranko!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente, quando stavo scansionando quella pagina pensavo a te...Mario dirà qualcosa su di essa!

      Elimina
    2. Mario Uccella26 marzo 2012 22:38

      Avevi dei dubbi? Ari-sigh!

      Elimina
  6. Non posso dire parolacce..quindi dico..che Belle :D

    RispondiElimina
  7. Belle tavole!^^

    P.s.: Ho incontrato Dante da adolescente in quel di Bologna, durante la presentazione del numero zero di Never... mi fece un disegno di Nathan su un promontorio, con la skyline della città alle spalle... il numero zero di Nathan Never l'ho venduto, ma il disegno di Dante ce l'ho ancora incorniciato!^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se era quando lo presentarono da Alessandro Distribuzioni, c'ero pure io, mimetizzato tra la gente, era il periodo in cui avevo ancora paura di disegnare in pubblico...Io ce l'ho il numero zero di Nathan Never, se vuoi te lo vendo...

      Elimina
    2. Sì, era proprio la presentazione alla Alessandro Distribuzione!

      Ma a quanto lo vendi il numero zero? Sai che si vociferava valesse 500 mila lire? Certo, voglio vedere chi è disposto a spenderli!^^

      Elimina
    3. Firmato da me e Serra, quanto vale?...io ne dovrei avere parecchie copie...potrei portare qualche bella ragazza a Parigi...

      Elimina
    4. Ha valore SOLO per un fanatico appassionato di fumetti che:

      1) Ami il genere Bonelliano

      2) In particolare, ami Nathan Never

      3) Sia disposto a spendere così tanto per un albetto di 16 pagine, quando però è abituato a spendere poco per un albo da 100 pagine.

      La vedo dura!^^

      Elimina
    5. Allora...niente week-end a Parigi con qualche bella ragazza compiacente?...solo un brodino caldo con mia moglie?...SEI UN ASSASSINO!!!!!!

      Elimina
  8. Spettacolo Allo stato puro!adesso devo accendere il pc e posare l'iPod per ammirarle meglio.

    RispondiElimina
  9. Mi ricordo Fantastic Force: ottimi disegni, ma testi un po' naif (per usare un eufemismo). Peccato che Bastianoni (mi piaceva molto, su Conan l'ho preferito a Castellini), sia finito sul Giornalino, del resto gli editori che pagano in Italia si contano sulle dita di una mano monca.

    Se posso fare una critica la splash page è spettacolare, e l'idea è geniale, ma mi risulta un po' di difficile lettura. Forse dipende dalla mancanza dei colori?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te...mi ero lasciato corrompere dal demone colore...forse se lo avesse colorato uno bravo...appiattirono tutto ancora di più. Dante sul Giornalino ha disegnato L'Uomo Ragno, e se non sbaglio una serie fantasy...il suo stile c'è tutto.

      Elimina
    2. Bastianoni ha fatto Conan??dove e quando?

      Elimina
  10. Risposte
    1. Ciao Marco, che onore averti tra i miei lettori...spero che non mi seguirai sporadicamente.Complimenti per la tua carriera e le tue "DONNE"! Pino.

      Elimina
    2. azz....mi conosci? grazie mille! Io sono tuo ammiratore da tempo immemore e non manchero' certo di continuare a seguire il tuo lavoro con ammirazione sconfinata.

      Elimina
    3. Io non dico mai bugie(un po come Superman) Ti ricordi ci siamo conosciuti tanti anni fa in una Lucca?... mi regalasti un tuo libro autografato, e mi confessasti che apprezzavi il mio lavoro...io non ho molta memoria, ma quando incontro una persona valida me la ricordo...Mi fa piacere che mi segui ancora, ciao a presto.

      Elimina
    4. certo, e' che non immaginavo ti ricordassi. Ad ogni modo e' vero, mi e' sempre piaciuta la tua linea pulita coniugata ad uno stile prettamente americano. Se devo dare un mio parere ti trovo comunque piu' a tuo agio sul formato Usa che quello delle gabbie Bonelli....queste tavole sono da bava alla bocac! Un saluto e continuero' a seguire il tuo blog con molta attenzione !

      Elimina
  11. Se non ricordo male in Italia sono uscite le mini di Conan disegnate da Castellini e Stefano Raffaele ed un albo in b/n che conteneva due storie disegnate da Alessandro Bocci ( non sono sicurissimo ) e da Simone Bianchi.
    Non so di Dante Bastianoni, ma può essere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimentichi la collana inaugurata da PINO,e se non sbaglio uscì anche una di Carnevale..

      Elimina
  12. @SKALDA:
    @CREPASCOLO:
    Che mi ricordi io, quando partì l'operazione Conan Italia, Dante era tornato a lavorare con Bonelli, come tale non può averlo fatto...forse lo confondete col mio...Il Carnevali che parla Ducab, non è Massimo Carnevali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah,dovrebbe esserci anche un Conan di DI GIANDOMENICO,ma credo sia uscito solo in Spagna.

      Elimina
  13. Te ghe rasun !
    Ricordo anche di aver letto che la Marvel aveva necessità di pubblicare ''tanto'' Conan in mercati diversi dal quello USA. Credo che parecchie di queste storie siano state sceneggiate da Chuck Dixon e disegnate anche da gente come Alcatena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La storia di Conan l'ho vissuta di prima persona.
      In America Conan non andava più tanto bene, e stavano scadendo i diritti di pubblicazione coi parenti del creatore...L'ultimo suo editor mi chiamò chiedendomi se fossi disposto a prendere in mano io le redini del personaggio...tentennavo...dopo la storia di ClanDestine...ero titubante...mia moglie invece essendo una fan sfegatata del cinmmero...usando arti subdolamente femminili mi convinse...stavo per telefonare in Marvel, quando l'editor di Conan mi precedette...I piani alti, avevano deciso di non rinnovare il contratto, perciò per loro Conan moriva li...Dopo qualche tempo la Marvel Italia chiese se potessero utilizzare quei diritti in scadenza...e nacque il Conan europeo(dicevano che il personaggio in Europa tirasse ancora)...Il prodotto non dispiacque in America, ricordate l'editor in chief della D.C.comics mi spedì la lettera per complimentarsi? Non se lo videro tutto o solo il mio, a me parlarono solo del mio...la Marvel riprovò, purtroppo fallendo col personaggio...i diritti decaddero e li acquistò la Dark-Horse...

      Elimina
    2. P.S.
      Così è come la conosco io la la storia...ora se c'è un'altra versione, non ve la prendete con me!

      Elimina
    3. Ma Marturet che fine ha fatto?

      Elimina
    4. Non lo so! Mi dissero che in Spagna era un editor delle edizione in lingua della Marvel...poi che avesse tentato la strada della scrittura negli U.S.A....ma come sia andata a finire non lo so...

      Elimina
  14. Chiedo scusa per l'errore, siete attentissimi e mi avete preso subito in castagna. ;)

    Diciamo che a me all'epoca Bastianoni piaceva molto, e finiamola lì. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma la tua diciamo "GAFFE", io la trovo legittima..è il GRANDE escluso di Conan...In Italia lo abbiamo fatto io, Castellini...manca solo lui...peccato, avrebbe fatto un grande Conan.

      Elimina
  15. Poco tempo fa, sfogliando IL GIORNALINO in edicola ho visto una storia disegnata da Francesco (Bastianoni).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se Dante e Francesco volessero renderci dotti, il mio blog è a loro disposizione.

      Elimina
  16. "Renderci dotti",come sei ELEVATO oggi Pino :D

    RispondiElimina
  17. OOOOOOOOHHHHHHHH che è sto silenzio??svegliaaaa..ci siete?

    RispondiElimina