mercoledì 7 marzo 2012

PHOENIX RESURRECTION : AFTERMATH- gli studi preparatori.
































Ad essere giusti, prima di questo post ci dovrebbe essere quello su "ULTRAFORCE#4"...ma essendomi arrivate molte richieste  esortanti a parlare di "POENIX RESURRECTION"...cedo alla violenza, chiedendo al CAVALIERE NERO di pazientare ancora un pochino...
HANK KANALZ e SCOTT BERNSTEIN  l'EDITOR in CHIEF e il suo secondo, rimasero favorevolmente colpiti dal mio lavoro precedente(UF.#4),inviandomi  una lettera a casa su cui c'era il mio piano lavorativo per la Ultraverse ...in pratica sarei diventato il loro disegnatore di riferimento e ancora adesso dovrei essere sul tavolo da disegno per onorare quella lista... non volevano farmi andare via e non si volevano arrendere all'idea di veder smembrata la "MALIBU comics" da parte della "MARVEL Comics Entertainment", intendevano cadere combattendo...
Pensarono di ristrutturare l'ULTRAVERSE e chiesero la mia complicità...sfondarono una porta aperta...mi eccitava l'idea di ricreare graficamente tutto un universo di super eroi.
La prima grande prova fu il restyling dei loro personaggi visti nel futuro, ce n'era anche qualcuno nuovo e creato di sana pianta...
I bozzetti che vedete pubblicati, sono quelli che inviai a loro, non ci crederete ma vennero tutti accettati senza modifiche!...
Allora imparai un termine prettamente californiano, nemmeno a New York lo conoscevano: COOL!    ....to be continued...

36 commenti:

  1. Mario Uccella7 marzo 2012 18:55

    Grandissimo post! Altro che "cool". Tutto questo è "coolest"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già"COOL" per un italiano è pesante...

      Elimina
    2. Allora diciamo"GREATTT!!!!" ;)

      Elimina
  2. sono fantastici questi disegni! wow! spero di vedere anche le tavole di phoenix!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le tavole ci tengo a postarle, per far vedere come si può distruggere tra le chine e i colori un lavoro fatto bene!

      Elimina
    2. io ho la versione stampata e sono curioso di vedere le matite , oltretutto trovo i personaggi molto belli.

      Elimina
  3. Bellissimi personaggi specialmente laTechomantra mi piace molto.In molti di questi si vede il tuo genere preferito,se posso permettermi di dirlo,qualcuno lo vedrei bene su N.Never

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gabriele, tu puoi permetterti di dire tutto quello che vuoi!

      Elimina
    2. Questi personaggi restano nel dimenticatio?si possono riprendere?se si,ci hai Mai pesato di Riproporli in una Tua storia?alla fine Li hai creati tu Ed e' un peccato non poterli riutilizzare

      Elimina
  4. Molto belli! aspetto le tavole :)

    RispondiElimina
  5. Adoro il fantafumetto e spero che in un Altroverso la Marvel non abbia acquistato la Malibu e che i lettori abbiano potuto leggere uno zilione di Prime disegnati da Norm Breyfogle, un ettaro di Sludge nel solco dei primi otto numeri ( Gerber lì non è deceduto, of course ) e che qualcuno abbia preso Mantra e ne abbia utilizzato appieno il potenziale - via il costume imbarazzante e trasformaz in combo di serial HBO ed atmo dello Shade di Milligan - magari con i testi di Peter David ( le matite di Dodson sono adatte al tono, ma sarebbe un bel salto quantico un Sam Kieth o un Mark Badger ). Da quelle parti Rune è ancora ongoing e BWS è ancora al timone. Il fiore all'occhiello di ''quella '' Malibu è la ''loro'' Bravura - Starlin non starebbe quindi, come nel ns universo, disegnando 'Breed 3 per la Image - in cui gli Starslammers di Simonson sono ormai una epopea che nemmeno la Storia del West di D'Antonio.
    Deodato jr e Texeira sarebbero due dei disegnatori di punta della casa . Nightman sarebbe stato ribaltato come un calzino da un team come Grant Morrison e Jon Bogdanove e sarebbe arrivato dove Aztek non ha avuto la possibilità di giungere.
    Firearm sarebbe passato - indolore - da James Robinson a Chaykin.
    Nessuno - e dico nessuno - avrebbe mai sentito parlare di Wrath
    ( esiste un Dio da quelle parti ed è spietato come quello del Vecchio Testamento ) , di Prototype ( una lacrimuccia subito tersa ) e di Eliminator ( ma Mike Zeck disegnerebbe da due decenni la Ultraforce ).
    Ed il Pino Rinaldi di quelle parti ?
    Ha lavorato per la Casa delle Idee fino all' arrivo di Quesada. Spettacolare la sua run sui Difensori ( testi di Larry Hama - la critica in standing ovation come nemmeno ai tempi della prima saga con gli Uomini Testa ) e la sua mini sullo Shield con citaz colte delle sterankate d'antan.
    Ha preso il largo all'inizio del 21mo secolo e ha lavorato - come autore completo - per Dark Horse ( Angela Mark-One: metaumana teutonica nella colonia Europa, il satellite di Giove - cyberpunk con i piedini ben piantati nell'attualità ), per Image ( Clark Desire: Cupido pianta una freccia nella chiappa di Satana e lo fa innamorare di un Cherubino x cui è punito dalle Alte Sfere con un soggiorno obbligato nella Hell's Kitchen di New York ) e per Avatar ( Necrorose: nel Medioevo un demone uccide un mago che, in un ultimo rantolo, lancia random un incantesimo nel vicino laghetto e rende senziente una ninfea che si trasforma in una immortale forma antropomorfa di cancro x contatto - trasforma cioè in un fiore appassito chi tocca - che si ricicla quale vigilante per le strade della Grande Mela dei ns gg ).
    Rinaldi, in quella contrada , è una combo di Ennis e J.G. Jones e ricorda con nostalgia i gg della naivette dell'ultraverso quando squilla il telefono e Millar gli chiede che ne pensa di un film tratto dal suo lavoro...

    RispondiElimina
  6. Risposte
    1. A cosa si riferisce il tuo "MIO DIO"?...

      Elimina
  7. Ai tuoi disegni ed al commento chilometrico..tutto in senso positivo ovviamente.

    RispondiElimina
  8. Più o meno è uno steroide ambulante...essendo un esperimento genetico. E' la rivisitazione più fantascientifica di Capitan Marvel, quella del ragazzino che urlando la parola magica "SHAZAM" diventa un super eroe...A Prime, non ricordo per quale situazione gli si innesca la trasformazione che lo porta a diventare quell'ammasso di muscoli, ma mantenendo il cervello di un tredicenne

    RispondiElimina
  9. Quando posti questi fantastici lavori, mi rimane solo il rimpianto di non averli letti.
    Certo che hai la stessa abilità del mio amico Mauro Padovani (mutatis mutandis) di andarti a scegliere sempre il cavallo perdente: prima la Marvel UK, poi la Malibu...

    Ora con tutti questi italiani a lavorare negli USA tu che fai? Non ci riprovi? Ci sarebbe un gran bisogno di te da quelle parti. :(

    RispondiElimina
  10. Grazie sei molto gentile...ma trovo che da quelle parti sia affollato di presenze di italiani "USA e GETTA"...che nessuno me ne voglia.
    Il nostro amico Mauro, lo considero un "ARTISTA" con tutte le lettere in maiuscolo...che una editoria miope si ostina a volerlo ignorare...
    Io ho sempre ammesso di amare gli "SFIGATI"...ma molto spesso sono gli "sfigati" ad amare me...
    E' molto facile essere popolari disegnando gli X-men o cross over tra majors, non sapendo come ci si è arrivati...molto più difficile, è ottenere il successo o la notorietà con personaggi sconosciuti...hai la chiara consapevolezza che nessuno ti abbia regalato nulla...

    RispondiElimina
  11. Prime era il miglior frutto di un esperimento genetico militare del mad doctor Gross condotto su un certo numero di puerpere.
    Ineffabile la figura del suo papino non esattamente da festeggiare il diciannove di marzo. A chi non gli avesse già letti consiglio i primi dodici numeri ed il primo annual disegnati da Norm Breyfogle ( popolare alla fine degli anni ottanta inzio dei novanta x Batman ).
    Il personaggio aveva effettivamente qualcosa del Captain Marvel della Fawcett poi entrato nel multiverso della DC - ne esiste anche una incarnaz post reboot dello scorso agosto - ma era anche un mash up con cose del primo Hulk ( si contrappone a scienziati ex governativi ) e di quei telefilm in cui si vive si racconta la vita in una high school ( Buffy The Vampire Slayer di Whedon arriverà però diversi anni dopo ).

    Per quello che può valere ( con quello che penso ed un euro e mezzo in un bar di Milano si compera un cappuccino ), il tratto del sig. Rinaldi sarebbe da impiegare su testate come lo Iron Man dei ns gg ( dopo i film, cioè ) dove il mecha design è fondamentale ed il lettore si aspetta di vedere Bob
    Downey jr sotto l'elmetto. Oltre tutto la Casa delle Idee ha prb con Testa di Ferro ( Ariel Olivetti ha mollato baracca e burattini x i caos degli editors e writers che stavano passandogli con il contagocce le pagine da matitare ) e sarebbe il caso di proporre un fumetto che possa cavalcare l'imminente Avengers cinematografico.
    L'Ultraverse, sempre secondo il mio modesto parere, non era struttura da Rinaldi: il suo fascino consisteva nell'essere un coloratissimo, caciarone minestrone di personaggi naif.
    Il Prototype ospite di Prime, per esempio, sembrava lo Iron Man di Gene Colan quando ancora si firmava Adam Austin.
    The Solution sembrava il demo di un videogioco ( Darick Robertson era ancora una sintesi di Brian Bolland che tenta l'estetica Image - oggi i suoi The Boys sono 20 tavole di primi piani e piani americani ).
    Persino Barry Windsor Smith era meno pre-raffaellita e più istintivo di quanto non fosse fino a due anni prima alla Valiant ( Archer and Armstrong ). Probabilmente le cose migliori della sua carriera.
    L'ultraverso era il Far West di cartoonists che estraevano la matita e sparavano, mirando il bersaglio con l'indice come consigliato dai manuali CIA.
    Erano annni in cui il successo dei sette trasfughi ( Spawn e Wildcosi in testa ) aveva spinto parecchi a provare l'avventura indie. Tekno, il Greatest Comics della Dark Horse ed un paio di operazioni di Big Jim Shooter ( il Claudio Cecchetto del fumetto USA ).
    Qualche anno dopo sarebbe arrivata anche la Crossgen ( altro mood adatto al ns anfitrione ). Oggi anche i personaggi legati dal Sigillo ( Ruse , Negation, Crux e molti altri ) abitano negli archivi Marvel. Sperem.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questo punto dovrei darti il benvenuto ufficiale nel blog, credo che verrai ad incontrarci abitualmente.BENVENUTO!
      Plaudo alla tua preparazione anche se non sono pienamente d'accordo su alcune tue analisi...e certe vicende ti sfuggono...spero che non interverrai solo in merito dell' Ultraverse, Acclaim e Bravura(anche qui ci sarebbe molto da ridire), ma pure su altri argomenti.
      Curiosità da "VECCHIO IMPICCIONE":
      Il tuo nickname si deve pronunciare "crepàscolo" a parodiare il crepuscolo o "crepa-scolo" per scongiurare un ipotetico contagio?

      Elimina
  12. Grazie di cuore ! Crepascolo è la sintesi di Crepuscolo e Pascolo ed è il nickname di un personaggio/narratore alla Watson di un romanzo a cui stavo lavorando anni fa. Un latifondista logorroico ed annoiato i cui parenti hanno dato fuoco - si dice - a parecchi immobili sui loro terreni e su quelli confinanti per renderli + appettibili alle speculaz di un gruppo che li ha ricoperti di centri commerciali. Dall'estate del 2008 lo uso in rete. Filippo Scozzari lo ha interpretato come scongiuro ( in un'altra occasione lo ha scomposto riferendosi a Crepax RIP ).
    Sono un vecchio impiccione ( non ho fatto il '68, ma sono stato fatto nel '68 e progettato nel '67 ) e mi impiccio di comics dai tempi della Editoriale Corno. Darei tutti gli organi che ho in numero pari per i retroscena di vicende fumettistiche - insegno storia del fumetto - e mi capita di rimuginare, dopo aver letto le fiabe a Crepascolino, su cose come le due verità di Kirby e Lee o chi ha preso cosa e quando nei casi delle due ''coincidenze '' Swamp Thing / Man-Thing e Doom Patrol / X-Men. See ya in the comics, buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non impiccione, ma storico...perciò non credo che io ti possa essere molto utile,io vendo solo fantasie, però se nel caso me lo chiedessi ci proverei...
      Come fiabe a Cprepascolino, potresti raccontare la versione ufficiale della creazione dei personaggi Marvel, oppure che in Italia la più importante casa editrice di fumetti non licenzia mai nessuno, che i fumetti si fanno col cuore per il cuore e non in uno squallido "salumificio"(con tutto il rispetto per gli insaccati che io amo), che esiste un fumetto dotto e d'autore che insegna le pratiche del Kamasutra ,dove l'avventura si svolge solo ed esclusivamente nei paesi esotici...che c'è stato un periodo in cui se volevi pubblicare in certe riviste d'autore non c'era bisogno di certe simpatie...insomma se vuoi ispirazioni per fiabe da raccontare a tuo figlio, io ne ho da vendere!...

      Elimina
    2. P.S.
      Perciò il tuo nickname si pronuncerebbe : "CRE-PASCOLO"...Giusto?

      Elimina
  13. wow sono tutti bellissimi ma io adoro in particolare techno mantra !! è un personaggio fantastico :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosci la versione standard dei personaggi?

      Elimina
  14. Che forti, Pino. Molto belli. E che peccato che l'Ultraverse abbia fatto la fine che ha fatto. A volte mi viene da notare il triste destino che ha accomunato le piccole grandi realtà editoriali americane extra marvel e dc. Ma si sa, la storia è sempre la stessa: Pesce grande mangia pesce piccolo. E buona notte ai suonatori.
    P.S.: Molto "Strange" il tuo Night Man :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se per certi versi mi ha portato alla "rovina"..IO AMO il Dottor STRANGE!!!!!A quando un film per poterlo stroncare?...

      Elimina
  15. Cre-pascolo va bene. Non mi sono mai posto il problema. Crepascolino ha tre anni e non tollera nemmeno Sponge Bob, per ora. Adora La Pimpa - forse la cosa + vicina allo psichedelico Shade The Changing Man sia nella versione di Ditko sia in quella Vertigo - che passi per Rai Yo Yo. Quando sarà abbastanza grande per arrivare a spostare i volumi della Treccani dietro la quale ho nascosto il Kamasutra di Jacovitti, allora sarà il momento in cui potrò raccontargli della stagione delle riviste. Partirò da Linus e arriverò a Nova Express, passando x Eureka, Corto Maltese, Tic e Fuego, non dimenticando Comic Art e l'Eternauta. Se non si sarà ancora assopito, attaccherò con le due incarnaz di Cyborg e l'epopea del Frigo. Quando avrò finito ( okay, ho scordato Totem, All American Comics, le cose dell'Eura ed uno zilione di altri zines ) probabilmente fuori dalla finestra sembrerà di vivere una cover di Giardo per il Nino ( il nuovo corso di Nat Never che parte con il n. 250 ndr ): non ho proprio il dono della sintesi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti scordi "ORIENT EXPRESS", lapsus freudiano?...o sarà troppo?...

      Elimina
  16. No, è il mio neurone solitario, grazie - ho passato la mattina a casa a fare editing ( sulle dispense che accompagnano le miniature in piombo dei personaggi DC ) e perdo i pezzi x strada. Orient Express e Pilot.
    Quanto mi piacerebbe uno zine in b/n con la foliazione e la carta del Pilot diretto da Sclavi !
    Una cosa sospesa tra il Corriere della Paura della Corno e certe cose della Coconino.
    Munoz che disegna Hellstorm. Rosenzweig che reinventa Druid. Gipi al lavoro su Foolkiller. Una di quelle cose di cui sai per certo che non uscirà il numero due...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credevo avessi steso un velo pietoso di oblio sul "PILOT" di Sclavi...

      Elimina
  17. Non era la mia rivista preferita. Eppure quella carta spessa tenuta insieme da due punti di graffette ( il giornalino indistruttibile , altro che costoletta ) ...Dylan Dog disegnato da Lauzier ( RIP ). Bella & Bronco nelle manine di Cavazzano. Jerry Drake di Moebius. Anzi di Giraud. Anche qua non vedo molte chances di arrivare al numero due, ma pazienza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me faceva cag...non piacevano i redazionali di Sclavi. Il suo "no sense" idiota...le stupidate adolescenziali...mi fermo non vorrei essere lapidato per aver osato non apprezzare un operato del papà di Dylan Dog...

      Elimina